INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

lunedì 14 novembre 2011

Governo tecnico (dopo Berlusconi)

Un altro Governo Tecnico per l'Italia.

Da questa notizia si apprende l'opinione dei politici sulla formazione di un governo tecnico, ovvero un governo fatto da persone (tecnici o esperti) che non fanno parte dei partiti politici o della politica.

A parte il fatto che non avrebbero potuto dire diversamente perché un Governo Tecnico DEVE essere fatto di NON politici, in realtà è proprio così ? Lo vedremo quando saranno noti i nomi dei nuovi e temporanei ministri (ad esempio si parla di Amato e di Letta, probabili ministri).

Qualunque sia il Governo tecnico provvisorio, le parole dei politici non fanno altro che confermare quello che sostengo da sempre !

I politici, per una ragione o per un'altra (non importa sapere esattamente quale sia), riconoscono che la politica dei politici non funziona o non è sufficiente in certi casi. Non si sentono competenti e lasciano quindi le patate bollenti nelle mani di altre persone al di fuori della politica e dei partiti. Ma poi preparano le campagne elettorali per ripresentarsi a future elezioni (v. dichiarazioni di Berlusconi)... non è un controsenso ? 

Se le cose stanno così... se a volte scaricano ai non politici le patate bollenti... perché ostacolare la Democrazia Diretta ? Quante persone competenti (tecnici) in più e su ogni materia salterebbero fuori... se fosse concesso a loro di esprimersi ? Ricordiamo sempre che siamo circa 50.000.000 di aventi diritto al voto in Italia ! Con cervelli, competenze ed esperienze in tutti i campi.

Post correlato: Il capro espiatorio e la Costituzione italiana

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione