INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

martedì 12 giugno 2012

Facebook - Anonimato - Dati personali - Falsi profili


Avevo già espresso molte mie perplessità su Facebook, sia riguardo ai dati personali ed ai contenuti che ogni utente mette nel proprio profilo e/o gruppi/pagine da lui create, e sia riguardo agli attacchi di hackers o chissa chi altri ai vari profili utente.


Con l'ultima buffonata del referendum proposto da Facebook, che ha seguito fra l'altro la stessa logica dei politici (non pubblicizzare la cosa) ho deciso questa volta in via definitiva di chiudere ogni mio profilo e fra pochi giorni lo farò.


Rimarrà soltanto la mia pagina Facebook che resterà chiusa pure ai commenti e non sarà altro che un clone del mio Blog in cui saranno inseriti solo post che scriverò e pubblicherò in questo mio Blog.


Questo si somma al fatto che su Facebook c'è troppa gente che non mi interessa e che credo non sia di alcun aiuto all'Italia. L'anonimato, il camuffamento con finti profili, nomi, nick, foto, etc. non mi hanno mai ispirato fiducia e preferisco per questo le piattaforme Web dove so' con chi dialogo e dove occorre registrarsi.


Io non temo di espormi perché ritengo che chiunque voglia fare qualcosa per tutelare i propri diritti o, in senso lato, i diritti di una popolazione sulla carta sovrana, ma che di sovrano non ha nulla, deve mettersi in gioco.
  • Chi vuole firmare  o firma un referendum o una legge di iniziativa popolare devi dare le sue generalità ed essere rintracciabile.
  • Chi vuole denunciare o denuncia qualcuno deve dare le sue generalità ed essere rintracciabile.
Chi ? puo' pensare restando nell'anonimato di fare gruppo con altri per dire a chi lo comanda che è ora di cambiare ?


Su Facebook possono divertirsi milioni di rompicoglioni, servi di partito, servi di un sistema marcio che non funziona e che peggiora sempre più ... o politici in persona che usano galoppini o falsi nickname e immagini per disturbare le spontanee e sacrosante iniziative dei cittadini o gruppi di cittadini stanchi di essere considerati soltanto vacche da mungere anziché sovrani.


Per le cose serie meglio uscire da Facebook ed essere SERI.

Facebook è uno strumento di aggregazione e quindi utile a condizione che tale aggregazione si riscontri nel CONCRETO e non solo nel virtuale.
Se qualcuno promuove una raccolta firme o una denuncia collettiva la gente deve firmare/partecipare realmente ... sia per la raccolta firme e sia per la denuncia... altrimenti chi promuove o propone iniziative si ritrova/ritrovano solo/i contro tutto un sistema ...

Forse gli italioti non ci arrivano a comprendere questo semplice concetto e l'atteggiamento di massa che si riscontra principalmente su Facebook evidenzia la vigliaccheria e l'ipocrisia degli italioti.

Un esempio illustrativo e poi chiudo definitivamente il discorso:

Supponiamo che qualcuno o un gruppo di persone vuole/vogliano proporre un referendum o fare una denuncia, tipo class action (collettiva), contro qualcuno e creino un evento, un gruppo o una pagina Facebbok ove descritta la proposta.

A questo evento, o gruppo o pagina Facebook si iscrivono 3 miliardi di persone che cliccano tutte su "mi piace" o scrivono nella bacheca "condivido".

Per portare avanti quanto si propone su Facebook non servono a nulla 3 miliardi di iscritti e i "mi piace" ma servono FIRME reali da raccogliersi secondo le modalità stabilite dalla legge (sia che si tratti di referendum e sia che si tratti di class action).


Io sono pronto a scommettere (perché di simili esperimenti ne ho fatti parecchi) che di tutti i lamentatori e chiacchieroni di cui Facebook pullula neppure lo 0,01% di chi si è iscritto nell'evento, gruppo o pagina Facebook firmerà davvero il modulo di raccolta firme o la denuncia.

La gente piange e lamenta diritti ma quando c'è da indicare il vero nome, cognome e rendersi rintracciabile, ovvero mettersi in gioco si tira indietro.

Ora non so se è paura o che altro e mi interessa ben poco (anzi ... nulla) quello che conta, e che deve essere chiaro, è che così l'Italia o i politici che si abbuffano a spese della popolazione non cambieranno mai !

Anche, e soprattutto, coloro che governano sanno che la stragrande maggioranza degli italiani sono in realtà ITALIOTI ed è per quello che infieriscono sempre più spudoratamente.

Lo capiranno un giorno gli ITALIOTI ?

Per cambiare le cose, l'Italia e/o i politici ... bisogna usare i mezzi consentiti dalla Legge (art. 8 Dlgs 267/00 comma 3 a livello comunale - o dalla legge 352/70 a livello nazionale) ... e non Facebook !

Facebook può essere un mezzo utile per informare ed aggragare o organizzare iniziative ma le iniziative vanno portate poi avanti con persone vere e che si mettono in gioco !
Non con persone che usano Facebook soltanto per lamentarsi o insultare tutto e tutti !

Ecco perché intendo eliminare Facebook dai miei strumenti di aggragazione e diffusione di notizie.

Un caro saluto ai veri amici !



Tutti coloro che vorranno seguirmi ancora o vorranno dialogare con me lo potranno fare nel mio Blog e in quei siti da me gestiti dove occorre REGISTRARSI perché io voglio sapere con chi parlo.


La piattaforma virtuale non deve differirsi da quella reale e quando io discuto in mezzo alla gente non lo faccio con un nickname o con una foto.


Ci vedremo quindi qui:
http://brunoaprile.blogspot.it/
oppure qui (se dovesse sparire il mio Blog):
http://brunoaprile.ucoz.com/
ed anche qui:
http://www.iniziativapopolareprendereolasciare.it/
  • il mio numero di telefono è: 3472954867
  • il mio indirizzo di posta elettronica è: brunoaprile.aprile@gmail.com
  • il mio nome utente skype è: brunoaprile
Ovviamente chiunque vorrà contattarmi attraverso i recapiti indicati lo dovrà fare in assoluta trasparenza :-)


P.S.
Questo post lo avevo scritto come Nota sia nella mia pagina Facebook e sia nel mio profilo personale Facebook ... ma Facebook non mi ha consentito di pubblicarla ... quindi l'ho pubblicata qui nel Blog per poi linkare il post su piattaforma Facebook:





3 commenti:

  1. La gente è fatta così, partecipano agli eventi virtualmente ma non realmente.....

    RispondiElimina
  2. Ne so qualcosa da tempo caro Andrea ! Fin dal 1999

    RispondiElimina
  3. Si, e la cosa mi fà incazzare sempre di più......

    RispondiElimina

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione