INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

lunedì 25 giugno 2012

Referendum senza quorum

Ovviamente non tutti sono in mala fede nell'affermare certe teorie (poiché di teorie si tratta) ma ripetere sempre le stesse teorie è banale, come pure stanca dover replicare sempre alle stesse obiezioni (fatte prevalentemente da coloro che, avendo il culo incollato sulle poltrone, vogliono mantenere un potere assoluto per fare i loro comodi/interessi).


In democrazia, dove la sovranità appartiene al popolo, un cittadino eletto ha lo stesso valore di un cittadino NON eletto.


La differenza consiste soltanto nei rispettivi ruoli.


Se si pensa che chi è eletto debba essere migliore o superiore di chi non è eletto allora non capirà mai la democrazia ed è anche inutile che la rivendichi col solito fare lamentoso.


Quando si parla di abolire il quorum dai referendum l'obiezione più frequente, che è divenuta ormai banale è la seguente:
"Non sono d'accordo perché la decisione potrebbe essere presa da un 10% della popolazione (ristretta minoranza)."
E' ampiamente dimostrato che il quorum, col trascorrere del tempo, ha ridotto notevolmente la partecipazione dei cittadini ... basta vedere come si è abbassata la percentuale di votanti negli ultimi anni (referendum abrogativo del 2009 con affluenza del 23% degli aventi diritto al voto).

Al di la di questo non capisco perché la decisione del 10% della popolazione (persone che si recano alle urne) non debba avere più valore della decisione presa da 945 persone, che a forza di inciuci e trucchi ci hanno condotto in una situazione ormai insostenibile oltre che scandalosa.

Le gente si lamenta dei politici e non si rende conto che i referendum finora li hanno proposti i politici e li hanno ostacolati loro stessi con ogni mezzo (mancanza di chiarezza ed informazioni - campagna per l'astensione).

Togliendo il quorum dai referendum i politici sarebbero costretti a spiegare bene le loro posizioni e le persone, essendo maggiormente informate, avranno più stimoli a votare i referendum. Chi non vorrà farlo ugualmente lascerà la decisione ad altri, che non saranno però soltanto i rappresentanti.

Ma non è chiaro ?

Alla decisione dei rappresentanti eletti si andrebbero a sommare i voti del 10% della popolazione ... e la decisione finale sarà stata presa da molte più persone (945 rappresentanti + 5.000.000 di elettori circa).

Se qualcuno però ritiene che i rappresentanti eletti (quando un giorno lo saranno realmente) abbiano più competenze dei cittadini non eletti (che sono MILIONI) allora è inutile continuare a parlare o ragionare con questi "qualcuno". Che deleghino sempre i rappresentanti eletti (quando lo saranno realmente) e buona fortuna !

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione