INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

martedì 13 novembre 2012

Il costo della vita

Vivere ha un costo senza alcuna ombra di dubbio ma come facevano gli esseri umani quando non esisteva il denaro ? quando non esistevano le banche ?

Il costo della vita comunque è dato dalla somma di singoli costi relativi a prodotti e servizi che si possono dividere in due categorie:
  1. Indispensabili
  2. Opzionali
Prendiamo in esame i costi dei prodotti e servizi indispensabili alla vita (v. art. 36 Cost.) e tralasciamo, ovviamente, quelli superflui o opzionali e cerchiamo di capire perché aumentano sempre quelli INDISPENSABILI ALLA VITA.

Un'azienda che si occupa della LAVORAZIONE e/o della DISTRIBUZIONE di tali prodotti e/o servizi ne aumenta costantemente il prezzo e cerca di scaricare la colpa al mercato e/o a chi produce/possiede la materia prima.

Io credo che l'aumento di prezzo della materia prima sia in realtà IRRILEVANTE e PRETESTUOSO poiché quello che grava sul consumatore FINALE (cittadino) è il COSTO TOTALE del prodotto o del servizio e tale COSTO TOTALE E' DATO dalla somma de:
  • Costo della materia prima (stabilito dal produttore)
  • Ricarico (stabilito dal commerciante/distributore e simili)
Il ricarico è l'importo che aggiunge chi compra la materia prima dal produttore e che poi vende il prodotto finito o il servizio che utilizza la materia prima al consumatore/finale/utente/cittadino.

Se una patata costa al commerciante 1 centesimo (prezzo del produttore) e il commerciante la rivende a 1centesimo + x, X è il ricarico.

Ora se le aziende/società che offrono un prodotto o un servizio di prima necessità alla popolazione hanno dei costi aziendali elevati ... queste aumentano il RICARICO per coprire i costi e determinare i guadagni.

Se la materia prima costa 1 e la società che la lavora e/o la distribuisce al consumatore finale la fa pagare 10, quindi con un ricarico di 9, non è il produttore che esagera !

E' ovvio che nessuno lavora per NON guadagnare ma è anche vero che se il guadagno è dato dal RICAVO meno SPESE occorre anche capire/vedere QUANTO vuole guadagnare una società/azienda che offre un prodotto e/o un servizio pubblico indispensabile alla vita ed anche che COSTI aziendali ha ... perché:

Se i costi aziendali comprendono:
  • VIAGGI DEL PERSONALE DIRIGENTE CON VITTO E ALLOGGIO IN HOTEL E RISTORANTI DI PRIMA CATEGORIA,
  • AUTOMOBILI DI RAPPRESENTANZA LUSSUOSE,
  • UFFICI IN PALAZZI LUSSUOSI, CON ARREDAMENTI LUSSUOSI,
  • STIPENDI ESORBITANTI AI LORO DIRIGENTI E QUADRI
Tali aziende hanno voglia di giustificarsi incolpando i produttori o l'aumento del costo delle materie prime perché se ne possono andare affanculo !
Questa gentaglia invece di pensare soltanto a soddisfare la loro vanità dovrebbe pensare alle prime necessità della gente e lo Stato dovrebbe essere ancora più attento a questa gente che aumenta i prezzi con disinvoltura, ponendo loro dei limiti.

Invece tanto queste aziende quanto lo Stato se ne fottono e la dimostrazione è data dal fatto che i generi di prima necessità aumentano sempre, le entrate del cittadino medio sono sempre più scarse e precarie ed è sempre più difficile per molti avere anche lo stretto necessario e lo "Stato" (le virgolette sono d'obbligo) ha dato in gestione prodotti e servizi di prima necessità ai privati.


Dov'è - Cos'è lo Stato in sostanza ?



Post correlato: Logica e Legge

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione