INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

mercoledì 13 febbraio 2013

Astensione dal voto - Luoghi comuni

Definizione del termine "Astensione":

tenersi lontano da qualcosa (etimologia dal latino - v. foto a fianco)


In materia di elezioni astenersi dal voto significa NON votare.

Esistono solo due forme di astensione dal voto anche se, ERRONEAMENTE, sono ritenuti astensionisti anche coloro che lasciano bianca la scheda e/o la annullano.

Chi lascia bianca la scheda o la annulla, infatti, in realtà risulta fra i votanti, in quanto l'elettore ritira la scheda, entra nella cabina, poi esce dalla cabina con la scheda chiusa e la ripone dentro l'urna.
Alcuni definiscono queste opzioni "voti di protesta" che a mio avviso di protesta non sono.

Chi si astiene realmente dal voto, nel vero senso del termine, o non si reca nemmeno alle sezioni elettorali (astensionista passivo) oppure vi si reca ma per dichiarare di rifiutarsi di votare (astensionista attivo).

All'astensionista attivo gli si potrà chiedere:
Perché recarsi alle urne se si decide di non votare ?

Perché l'elettore può far mettere o allegare al verbale in dotazione alle sezioni elettorali la motivazione della sua scelta di non votare (art. 104 comma 5 D.P.R. 361/57 e art. 87 dello stesso testo legislativo).

Chi esercita l'astensione passiva o l'astensione attiva non è considerato votante e non è conteggiato ai fini della determinazione della percentuale di affluenza alle urne.

Un'alta percentuale di affluenza (che non tiene conto delle schede bianche e nulle) giustifica il sistema elettorale e legittima la classe politica/rappresentativa ad agire in nome e per conto del popolo.

Per delegittimare un sistema elettorale/rappresentativo che non piace, o che non risponde al dettato costituzionale, occorre necessariamente incrementare la percentuale di astensione ...  perché i seggi in parlamento si assegnano con le elezioni e quindi con i voti ... non con le astensioni.

Se la metà più uno degli aventi diritto la voto si astenesse dal votare ... il parlamento potrebbe dire di essere stato delegato dal popolo ? Forse bisognerebbe rivedere alcune cose ... che non si potranno rivedere fino a che la percentuale di astensione non salirà oltre il 50% degli aventi diritto.

Vedremo dopo queste elezioni a che punto si sarà giunti rispetto alle scorse politiche 2008 (80% di affluenza).

AGGIORNAMENTO  DEL  POST  (DOPO LE ELEZIONI POLITICHE 2013)

L'affluenza è scesa al 75,19 %

AGGIORNAMENTO DEL POST (DOPO LE AMMINISTRATIVE 2013)

A livello nazionale la media è stata del 62,38 %

Post correlato: Proteste

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione