INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

mercoledì 10 aprile 2013

Io sono neutrale ma ...

Riporto dalla fonte:


Pisapia dà 8mila euro a ogni famiglia rom

Bocciato il piano di Maroni che prevedeva di chiudere i campi rom. In 40 si comprano una cascina coi soldi dei cittadini milanesi


La picconata del consiglio di Stato arriva quando 40 rom di via Idro hanno appena appena incassato un assegno di 8 mila euro per trasferirsi in una cascina nel Pavese. «Il piano per l’emergenza nomadi è illegittimo». In diciotto pagine di sentenza, i giudici demoliscono l’asse istituito dall’ ex ministro dell’Interno Maroni per chiudere a chiave i campi nomadi di Milano: spariscono i poteri commissariali affidati al prefetto, vengono dichiarati «decaduti» tutti i progetti controfirmati dal Comune, si eclissa ciò che resta dei 13 milioni di euro stanziati per sigillare le baraccopoli autorizzate. L’accusa dell’associazione Europeans Roma Richts Centre Foundation resiste alle obiezioni delle istituzioni e trascina nel fango tre anni di politiche nazionali sui campi nomadi. A Milano, dove si puntava a chiudere 4 campi nomadi entro fine anno dopo la «liberazione» del Triboniano, la consulta Rom stappa lo champagne: «Bisogna sospendere subito il piano, è finita l’epoca della discriminazione razziale».

Il piano nomadi nazionale - secondo i giudici - è viziato da uno stato di emergenza «non motivato». Comincia tutto nel 2008. La Romania entra in Europa, le periferie di Milano si riempiono di bidonville abusive e i cittadini cominciano a convivere con baracche e sacchi stracolmi di rifiuti. «A Milano» scrivono i giudici,  «i nomadi sono stimati in circa seimila. Una cifra che – specie se rapportata alle dimensioni e alla densità abitativa dell’agglomerato urbano milanese – non appare un fenomeno di dimensioni ed entità tale da rendere inefficaci gli ordinari strumenti e poteri». Tradotto: bastavano le leggi ordinarie, altro che superpoteri al prefetto per accelerare gli sgomberi. La conclusione brucia l’intero dossier, perché oltre al decreto del 2008 sono da considerarsi illegittimi «anche tutti i successivi atti commissariali». In prefettura, per il momento, si aspettano le motivazioni della sentenza e le contromosse del nuovo governo. La polemica politica, però, è già esplosa. Riccardo De Corato, ex vicesindaco e leader del fronte della tolleranza zero, parla di «conseguenze pesantissime» e va oltre: «Prepariamoci ad una nuova invasione. La sentenza del consiglio di Stato è politica, l’emergenza era evidente. Ora si fermerà l’iter di chiusura dei campi, nonostante l’elargizione di denaro da parte della giunta Pisapia». Aggiunge l’europarlamentare Carlo Fidanza (Pdl): «Il governo intervenga, servono nuovi strumenti per stroncare le attività illecite e favorire l’integrazione sociale». 

Il sentiero, irto di difficoltà, prevedeva la chiusura entro fine anno dei campi di via Novara, via Bonfadini, via Negrotto e via Idro. La giunta Pisapia, appena insediata, ha concentrato i suoi sforzi sui progetti di «inserimento abitativo». L’ultimo in ordine di tempo, avviato dalla precedente amministrazione e concluso nei giorni scorsi, prevede la concessione di un sostegno al mutuo per una decina di famiglie del campo di via Idro. Oltre al danno la beffa: scompare il piano, ma intanto i soldi incassati dai rom sono inattaccabili. «Il piano l’abbiamo ereditato dal centrodestra» si difende l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli, «vedremo quali effetti concreti ci saranno dopo questa sentenza. Il progetto di via Idro è molto più utile di quelli del mio predecessore De Corato, che aveva dato 15mila euro ai rom di Triboniano per tornare in Romania». La road map, continuamente dilazionata nel tempo, doveva partire dal campo di via Novara, già parzialmente svuotato negli ultimi mesi. Davanti alla sentenza del consiglio di Stato, però, la Consulta Rom va all’attacco: «Bisogna fermare tutto» insiste Dijana Pavlovic, rappresentante delle associazioni, «ora inizia una stagione diversa per le comunità rom e sinte». All’attacco Matteo Salvini (Lega): «Decisione assurda. Ora via alla raccolta di firme a favore del piano rom»

di Massimo Costa
___________

Commento personale:

Poi qualcuno si stupisce se in Lombardia, come in Veneto, o altrove, aumenta l'elettorato della Lega Nord. 
Mi piacerebbe sapere l'opinione di qualche sventolatore di bandiere con falce e martello che, trovandosi senza lavoro e/o senza casa, gli dovessero rispondere che "case popolari non ce ne sono per mancanza di fondi" oppure "non abbiamo disponibilità finanziaria per aiutarla anche temporaneamente con qualche sussidio economico".

Pur essendo neutrale e immune da qualsiasi sindrome partitica ... non posso non notare che i comunisti italici sono i peggiori illusionisti e ipocriti della politica, oltre che assolutamente contrari alla democrazia diretta (intesa nel suo vero significato ovviamente).

Nulla di personale contro i Rom, ci mancherebbe, ma quando occorre fare una scelta fra due opzioni, credo che occorra valutare BENE chi ha più diritto di utilizzare le risorse disponibili.

Io aiuto volentieri chi ha necessità ... se posso farlo ... ma non posso certo fare miracoli e/o accettare l'idea che dopo 30 anni di lavoro svolto con professionalità e scrupolosità e tasse versate debba restare senza opportunità ed aiuti perché tali opportunità ed aiuti vengono dati a persone che pur essendo in difficoltà (spesso per scelte dovute a tradizioni ed usanze) non hanno contribuito quanto abbia fatto io alla crescita ed allo sviluppo della nazione (art. 4 cost.)

Ora abbiamo addirittura due comunisti alla presidenza delle due camere parlamentari e quello della Camera si meraviglia di tanta povertà in Italia  ... azz ! Ma dove ha vissuto finora ? Non milita nel partito che, per eccellenza, difende da sempre la classi sociali più deboli ?

Post correlato: Aumento dei costi trasporti pubblici a Milano

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione