INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

martedì 13 agosto 2013

Case popolari

Avevo scritto una petizione per l'amministrazione milanese tanti anni fa (quindi il problema non è recente) quando sentii in una trasmissione di una televisione locale (Telelombardia) i parassiti di destra, di centro e ancor peggio di sinistra che facevano parte del Consiglio comunale, nell'essere tutti d'accordo sulla vendita delle case popolari.

A parte il fatto che le amministrazioni hanno in gestione le case popolari ... non sono quindi proprietarie (le case popolari sono infatti del popolo), occorre far notare a quei farabutti, che non fanno altro che fottersene dei senza tetto o di chi sta per diventarlo, che la crisi è in aumento da almeno un ventennio, dove già il ceto medio si impoveriva (figuriamoci il basso ceto).

Gli amministratori eletti, che dovrebbero essere più saggi, colti ed esperti dei comuni cittadini, potevano benissimo prevedere l'evolversi in peggio della situazione, avendo pure da tempo molti più elementi dei normali cittadini per valutare l'aumento del disagio sociale.

C'erano le case popolari ? I ladri impostori eletti le hanno messe in vendita.

Grandissimi coglioni ! (o impostori) se avete una cosa e la vendete è ovvio che poi non c'è più. Come cazzo potete dire, come per giustificarvi, che le richieste aumentano e le case popolari non sono sufficienti a soddisfare le richieste ?

Ma solo dei somari potete prendere per il culo ... dei somari che vi votano sempre e che, a quanto pare, sono sempre tanti e che per di più riuscite sempre a tenere al guinzaglio e con il basto stracolmo sopra la loro  schiena.

Le case popolari vanno costruite non vendute ! Pezzi di merda !

Quando lo Stato (o un Comune, o una Provincia o una Regione) deve farsi carico di alcuni oneri previsti dalla Costituzione e dalla Legge (v. l' art. 3 Cost. ad esempio) e non se ne fa carico perché "NON CI SONO SOLDI" ... Qualcuno potrebbe avere ancor più ragioni di dire ai propri creditori "NON HO SOLDI". Non li ha lo Stato che chiede tasse a non finire e a tutti, ma elargisce stipendi, privilegi, pensioni e buone uscite da CAPOGIRO ai suoi funzionari ! ... e deve avere i soldi chi non ha più nemmeno un lavoro o ha un lavoro che gli permette di coprire a malapena i costi di prima necessità perché deve contribuire ad ingrassare funzionari di stato e politici ? Ma di cosa vogliamo parlare ?
Le case popolari erano un modo per RIMUOVERE GLI OSTACOLI che impediscono di fatto lo sviluppo della persona umana ... gli imbecilli eletti hanno rimosso le case popolari ed hanno quindi incrementato gli ostacoli a molte persone affinché non si sviluppassero (senza contare le assegnazioni ad amici e parenti di politici e amministratori stessi che non avrebbero nemmeno i requisiti per occuparle - o che hanno perduto nel tempo) ... in più hanno pure liberalizzato i canoni di locazione e molti proprietari hanno fatto lievitare gli affitti a prezzi INACCESSIBILI ai comuni e mortali impiegati ed operai (a Milano - dove i buffoni hanno parlato in televisione - un bilocale costa IN MEDIA oltre 1.000 euri al mese !).

Hanno fatto esattamente come recita la legge fondamentale della repubblica dei coglioni !

La situazione abitativa di molti italiani e di molte famiglie è sempre più critica. Ovviamente quando uno Stato, mediante la sua classe politica, non si interessa dovutamente ad un determinato fenomeno ... tale fenomeno non può altro che accentuarsi. Ovviamente dopo essersene fottuti a lungo di un determinato problema occorre trovare il modo di ostacolare i falsi rimedi, proposti per mera propaganda politica, perché chi ha permesso che il problema si accentuasse si rende conto che non può più porvi rimedio, se non agendo con onestà e cura (cosa che ai politicanti italici non passa neppure per l'anticamera del - chiamiamolo - cervello).

Il governo Monti aveva stabilito il "blocco degli sfratti" per tutto l'anno 2013 da attuarsi in alcuni Comuni. Il problema è che tale blocco non si applicava agli sfratti per morosità.
Siccome gli sfratti per morosità costituiscono l'80% dei casi, ecco come hanno beffato la popolazione in difficoltà abitativa, che ha avuto lo sfratto per morosità.
Ma emeriti coglioni che non siete altro (voi e chi vi vota ancor più) ... chi non paga l'affitto non lo paga per farsi sfrattare ? o perché magari ha perduto il lavoro ? o non guadagna abbastanza per pagare gli affitti che, grazie alla sinistra dimmerda italica, essendo stati da essa liberalizzati a suo tempo, sono saliti a cifre sproporzionate in rapporto al reddito medio degli italiani ?
I vostri compagni di partito, che sono ovviamente pure nelle amministrazioni locali, ... hanno seguito perfettamente il vostro esempio (e come potevano fare diversamente essendo figli della stessa madre zoccola in parlamento ?).
Infatti nelle graduatorie di assegnazione delle case popolari, chi ha avuto lo sfratto per morosità, accantona 0 (zero) punti nelle graduatorie per l'assegnazione degli alloggi popolari (che gli stronzi hanno venduto da anni e mettono ancora in vendita). Sarete dei gran figli di puttana ! Ma la gente vi vota ancora e voi continuate con le solite chiacchiere ad inculare la gente onesta.

Aneddoto sul tema:

"Papà cos'è il buon senso ?"

"Il buon senso, figliolo, è ciò che fa tacere qualcuno che non ha diritto a qualcosa che però ottiene, con dei sotterfugi, quando qualcuno gli fa notare che è un opportunista e un pezzo di merda. Sotterfugi come ad esempio raccomandazioni di politici, e/o aiuti da impiegati e/o funzionari pubblici che falsificano scartoffie e documenti per avere un alloggio popolare.
Se tu dici ad uno di questi elementi che è un disonesto e un pezzo di merda il buon senso lo invita a stare zitto e cambiare aria ... chi non ha quel buon senso ha qualcosa da ridire e c'è anche chi lo dice in un modo da rischiare qualche calcio nei denti. Capito cos'è il buon senso ?

"Papà cos'è un consiglio comunale ?"

"Un consiglio comunale, caro figliolo, è un gruppo di persone che solitamente fanno parte di associazioni a delinquere istituzionalizzate chiamate partiti, che occupano delle poltrone e fanno un mare di chiacchiere in apposite sale all'interno dei palazzi municipali per dare l'idea ai cittadini di occuparsi dei problemi della comunità che vive in quel territorio/Comune.
Gente che getta fumo negli occhi per fare ingrassare a dismisura i loro capi di partito in cambio di qualche piatto di lenticchie (e di qualche bustarella da cittadini residenti nel territorio o da qualche lobby che deve piazzare il suo business in quel territorio).
Se non hai capito te lo spiego portandoti direttamente in Municipio ad ascoltare i consiglieri e gli assessori comunali quando discutono in assemblea, come e di cosa discutono.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione