INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

domenica 12 luglio 2015

Per qualcuno non sono democratico ?

... pazienza, non mi cambia la vita una simile affermazione (che - fortunatamente - ho letto solo poche volte dopo anni ed anni di attività su Facebook) per il semplice fatto che non ho mai concorso nella mia vita - e mai lo farò - a nessuna elezione per essere eletto a qualsiasi carica rappresentativa.

Una frase recentissima che mi ha indotto a scrivere questa nota è stata scritta nella bacheca del mio profilo, ovvero:

"Un po' presuntuosetto pensare di sapere cosa vogliono gli altri. In democrazia ognuno esprime il proprio pensiero. Non è la democrazia che predichi  caro Bruno ?"

Mi preme chiarire la questione per evitare perdite di tempo in chiacchiere inutili perché il mio tempo lo voglio concentrare nell'unico tema che mi sta a cuore (e che ribadirò più avanti nonostante l'abbia chiaramente espresso nelle informazioni sia del mio profilo personale e sia della mia pagina facebook).

Io non ho nessuna presunzione di sapere cosa vogliono gli altri, perché il mio scopo non è altro che quello di informare la gente di quali diritti legittimi (ovvero previsti dalle leggi) ha a disposizione per esercitare al meglio la sovranità che sulla carta appartiene al popolo. Chi vuole rivendicarli nell'interesse della sovranità di TUTTI (del popolo) e quindi della collettività lo faccia ... chi non vuole farlo pazienza e cerchi liberamente un altro modo per cambiare una situazione che non gradisce.
L'attuazione di ciò che "predico" io andrebbe a vantaggio della collettività e non solo a mio vantaggio, non essendo - come già detto - intenzionato a sedere su nessuna poltrona (solo i politici godono di vantaggi particolari una volta conquistate le poltrone). 

Che piaccia o meno la Costituzione italiana è la legge fondamentale della repubblica che deve essere osservata come tale da tutti i cittadini e dagli organi dello Stato (non lo dico io ma lo dice la Costituzione stessa all'art. XVIII delle disposizioni transitorie e FINALI).

Chi segue questo Blog e la mia pagina Facebook sa molto bene che ho ribadito spesso che la Costituzione italiana è un insieme di principi che però devono essere applicati con opportune leggi ... leggi che siano però in armonia con la Costituzione italiana (altrimenti sarebbero illegittime - cfr. artt. 134 e 136 Cost.).

Se addirittura esistono delle leggi che applicano in qualche modo il principio fondamentale della democrazia espresso all'art. 1 comma 2 della Costituzione italiana, ritengo importantissimo che la gente le debba conoscere e le debba utilizzare per raggiungere gradualmente il traguardo finale che si erano prefissati i padri costituenti quando scrissero la Costituzione italiana, ossia la DEMOCRAZIA (potere deliberativo del popolo).

Siccome informazioni del genere non le hanno mai date i politicanti ed i media mi sono messo in rete per fornirle ai miei connazionali ed ai miei concittadini perché se non si sanno le cose non si può neppure agire nella maniera più proficua e meno criticabile (criticabile dal sistema ovviamente).

Bisogna rispettare le leggi ? Altrimenti si rischia di essere condannati o puniti ? Bene ! Io esigo il rispetto e l'applicazione di certe leggi che riguardano il principio fondamentale della democrazia espresso chiaramente nella nostra legge fondamentale perché le conosco ... e vorrei che anche gli altri le conoscessero ed esigessero la stessa cosa.

Per fare questo ho scritto chiaramente sia nelle informazioni del mio profilo personale e sia nelle informazioni della mia pagina su Facebook che non mi interessano partiti (vecchi e nuovi) e tanto meno propagande a favore di partiti o singoli esponenti di partito (vecchi e nuovi) perché sono convinto che dall'interno dei palazzi nessuno potrà mai cambiare nulla e la dimostrazione è data dal fatto che le informazioni che ho studiato e messo in rete a disposizione di tutti ... NESSUNO dei partiti e politici le ha mai date.

Mi interessa solo la democrazia diretta e le informazioni che fornisco sono volte soprattutto ad evidenziare come TUTTI quanti i poliitci ed i partiti (vecchi e nuovi) abbiano negato in parte e ostacolato in altra parte tali diritti previsti sia dalla Costituzione e sia dalle leggi che riguardano l'esercizio della sovranità che appartiene al popolo.

L'esperienza pluriennale nel mondo virtuale mi ha fatto notare che la rete è invasa da troll che devono essere per forza di cose lecchini di partito o parenti ed amici di politicanti che non hanno alcun interesse a cambiare un sistema politico che gli ha concesso lussi e privilegi per decenni e con un po di attenzione si possono individuare. Ovviamente esiste anche gente in buona fede che non fa parte di quella meschina categoria e sorvola sui diritti di partecipazione e democrazia diretta perché confusa da mille informazioni.

Ad ogni modo quei personaggi (TROLL) si insinuano nelle discussioni che si fanno in vari gruppi e pagine solitamente con critiche e argomenti off-topic (fuori tema) con l'intento di creare confusione. La confusione infatti è una potente arma che serve a distogliere l'attenzione delle persone da informazioni e/o iniziative.

Consapevole dell'esistenza di simili lecchini e del pericolo che un susseguirsi e accavallarsi di informazioni fuori tema possa distogliere l'attenzione della gente da quelli che sono i propri diritti di partecipazione e di democrazia diretta negati ed ostacolati (che la gente non conosce), ho deciso di chiarire a chiunque che non sono graditi nelle mie bacheche temi che non riguardano la democrazia diretta.

Riguardo al fatto di essere ritenuto poco democratico vorrei ricordare che la libertà di esprimere il proprio pensiero (e non è la prima volta che lo dico) è una componente essenziale della democrazia che tutti devono poter esercitare ma solo quando tutti hanno un potere deliberativo, e prima di stabilire regole o modificare regole esistenti.

Quando le regole esistono già bisogna solo applicarle o pretenderne l'applicazione da chi ha il compito di applicarle e discutere di mille questioni senza poter poi influire a livello decisionale sulla loro attuazione non serve a nulla se non a passare tempo e a sfogarsi un poco (anche se al riguardo sarebbe meglio che la gente si sfogasse con i diretti responsabili della situazione politica anziché con i propri simili, che nulla possono fare allo stato attuale).


La democrazia inoltre non esclude delle regole (morali e scritte) ... la differenza sta nel fatto che in democrazia le regole le stabiliscono e/o le approvano i cittadini (il popolo) e non pochi eletti  (v. oligarchia).
Le regole devono esistere anche in democrazia perché anche in democrazia deve esistere un ordine delle cose.
Se un cittadino ha il diritto di discutere di una sola questione e crea una pagina facebook per discutere solo di quello ... la gente che decide di seguire quella pagina deve attenersi a quel tema anche per educazione e rispetto nei confronti di quella persona che fornisce determinate informazioni (che gli sono costate tempo ed impegno).
Se ognuno pubblica commenti o link fuori tema non fa altro che rendere difficoltosa la comprensione del tema trattato perché crea confusione e fa perdere alla gente pure la voglia di leggere le informazioni sul tema specifico trattato in quel gruppo o pagina perché non le trova facilmente.


Inoltre in rete e nella società ci sono persone che per interessi particolari dicono un sacco di fesserie (specie quando si discute di politica) alcuni le dicono sapendo di dirle ed altri per ignoranza. Chi dice falsità per depistare la gente (come fanno i politicanti e loro lecchini) possono dire fesserie giustificando che la democrazia prevede la libertà di espressione ? Lo potranno anche fare ma in democrazia esiste anche il diritto delle persone di evitare di avere a che fare con persone che dicono fesserie o falsità ? Io cerco sempre di fornire dettagli legislativi e/o sentenze proprio per indurre la gente a verificare ciò che dico anziché pretendere che credano a scatola chiusa (come fanno i politicanti e loro lecchini).
La legge e i tribunali condannano la falsa testimonianza e pertanto chi in nome della democrazia e della libertà di espressione pensa di poter dire anche falsità o fesserie per buggerare la gente deve accettare il fatto che chiunque possa avere il diritto di difendersi da simili persone.
Difficilmente io banno o cancello commenti dalle mie bacheche ma se trovo gente che insiste andando fuori tema lo faccio (ed è successo pochissime volte).

Ripeto:
Io informo citando Costituzione e Leggi dei diritti e degli strumenti che hanno a disposizione i cittadini per orientarsi verso la vera democrazia che nessuno dei politicanti eletti vuole ... e siccome tali diritti e strumenti sono previsti dalle leggi che bisogna rispettare ... ritengo in difetto chiunque le ignori. Pur essendo tutti liberi di infrangere leggi e regole bisogna anche accettare l'esistenza di persone che pretendono il rispetto delle leggi, specialmente se riguardano il principio più importante della democrazia (l'esercizio della sovranità popolare) di cui la massa ne ignora l'esistenza o fa finta di ignorarne l'esistenza anche quando le conosce.

Se alla gente piace scambiare informazioni e discutere su problemi a cui comunque non può porvi rimedio e modificare, perché non ha ancora i mezzi idonei, è libera di farlo ... ma non nella bacheca della mia pagina e del mio profilo perché lo ritengo una perdita di tempo che non intendo più perdere (ho perduto già abbastanza tempo, energie fisiche e denaro con gli italioti).
A me interessa selezionare e aggregare persone che amano la sovranità effettiva del popolo e che intendono perseguirla. Non sono democratico per questo ? Come definire allora chi non saprebbe neppure da che parte iniziare per un cambiamento ? O chi tifa per un politico o un partito o per un sistema puramente rappresentativo ? O, SOPRATTUTTO, chi si rende complice di rappresentanti eletti che non rispettano le leggi a garanzia dei diritti di partecipazione e democrazia diretta ? o che la raggirano ? 

Spero di avere chiarito una volta per tutte la questione e ribadisco i punti principali:

La democrazia è potere (decisionale) del popolo e la libertà di espressione è una componente essenziale della democrazia che deve essere utilizzata da tutti coloro che lo vogliono fare per poter stabilire delle regole, ed è proficua solo quando chi discute ed esprime il proprio pensiero può anche decidere.

Se a qualcuno non interessano i diritti di partecipazione e democrazia diretta sconosciuti, negati ed ostacolati seppur previsti dalle leggi e dalla Costituzione italiana è anch'egli /ella persona che se ne frega tanto delle leggi, quanto della Costituzione italiana e della democrazia ... quindi non so chi è meno democratico fra me e costoro !

Chi pensa quindi di avere il diritto di parlare di altro su gruppi  e blog monotematici con chiare informazioni e raccomandazioni in nome della democrazia può benissimo farlo ... ma lo fa in altre pagine ed altri profili ... la rete internet è immensa di gruppi di discussione e Facebook anche.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione