INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

sabato 28 agosto 2010

Da un articolo stampa intitolato: Assistenti sociali in ferie ed io non vedo più mia figlia

Dopo avere letto questo articolo stampa http://picasaweb.google.com/brunoaprile.aprile/ImmaginiDiBlogger#5510411015257913554, Vi invito a considerare ATTENTAMENTE quanto segue:


La Legge quadro che stabilisce le procedure da adottare in caso di allontanamento coatto dei figli dalla propria famiglia di origine è la Legge 4 maggio 1983 n. 184 (in breve 184/83) e successive modificazioni, apportate con Legge 28 marzo 2001 n. 149 (che non abroga la L.184/83 ma la modifica parzialmente).


Un po di storia:


- La Legge 4 maggio 1983 nasce allo scadere della ottava legislatura (VIII legislatura) dove la coalizione di maggioranza parlamentare era formata dai partiti DC - PSI - PSDI - PLI, il Presidente del Consiglio era l'On. Amintore fanfani (DC) ed il partito di maggioranza della coalizione era la DC.


- Il giorno 8 luglio 1998 La Corte Europea di Strasburgo riunisce in un unico ricorso i ricorsi presentati dalle cittadine Dolorata Scozzari e Carmela Giunta le quali adirono la Corte per le vessazioni subite dalle istituzioni italiane dopo l'allontanamento dei figli della prima ricorrente e nipoti della seconda ricorrente per mezzo del Tribunale per i Minorenni.


- Il giorno 13 luglio 2000 la Corte condanna lo Stato italiano al risarcimento di circa 200.000.000 delle vecchie lire da liquidarsi entro tre mesi a favore della prima ricorrente (NOTIZIA MAI DIVULGATA DAI MEDIA):
https://drive.google.com/file/d/0B3VJtb29p-kaWVk0eFdCUVRSR0E/view?usp=sharing


- Il nostro Parlamento durante la tredicesima legislatura (XIII legislatura) dove la coalizione di maggioranza parlamentare era formata dai partiti Ulivo - PDCI - UDEUR - INDIPENDENTI, il Presidente del Consiglio era l'On. Giuliano Amato (DS), ed il partito di maggioranza della coalizione era DS, ha modificato la Legge 184/83 con la Legge 149/01.


Notate cosa ERA scritto all'art. 5 della Legge 184/83:
"L'affidatario deve accogliere presso di sé il minore e provvedere al suo mantenimento e alla sua educazione e istruzione, tenendo conto delle indicazioni dei genitori per i quali non vi sia stata pronuncia ai sensi degli articoli 330 e 333 del codice civile, o del tutore, ed osservando le prescrizioni eventualmente stabilite dall'autorità affidante." 
Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dell'articolo 316 del codice civile. 
L'affidatario deve agevolare i rapporti tra il minore e i suoi genitori e favorirne il reinserimento nella famiglia di origine. 
Le norme di cui ai commi precedenti si applicano, in quanto compatibili, nel caso di minori ospitati presso una comunità alloggio o ricoverati presso un istituto."


Ed ora notate come è stato modificato tale articolo dalla Legge 149/01 entrata parzialmente in vigore dopo la sentenza della Corte Europea dell'anno 2000. All'art. 5 della Legge 149/01 si legge:
"1. L’articolo 5 della legge n. 184 è sostituito dal seguente:«Art. 5. –
1. L’affidatario deve accogliere presso di sé il minore e provvedere al suo mantenimento e alla sua educazione e istruzione, tenendo conto delle indicazioni dei genitori per i quali non vi sia stata pronuncia ai sensi degli articoli 330 e 333 del codice civile, o del tutore, ed osservando le prescrizioni stabilite dall’autorità affidante. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dell’articolo 316 del codice civile. In ogni caso l’affidatario esercita i poteri connessi con la potestà parentale in relazione agli ordinari rapporti con la istituzione scolastica e con le autorità sanitarie. L’affidatario deve essere sentito nei procedimenti civili in materia di potestà, di affidamento e di adottabilità relativi al minore affidato.
2. Il servizio sociale, nell’ambito delle proprie competenze, su disposizione del giudice ovvero secondo le necessità del caso, svolge opera di sostegno educativo e psicologico, agevola i rapporti con la famiglia di provenienza ed il rientro nella stessa del minore secondo le modalità più idonee, avvalendosi anche delle competenze professionali delle altre strutture del territorio e dell’opera delle associazioni familiari eventualmente indicate dagli affidatari.
3. Le norme di cui ai commi 1 e 2 si applicano, in quanto compatibili, nel caso di minori ospitati presso una comunità di tipo familiare o che si trovino presso un istituto di assistenza pubblico o privato».
4. Lo Stato, le regioni e gli enti locali, nell’ambito delle proprie competenze e nei limiti delle disponibilità finanziarie dei rispettivi bilanci, intervengono con misure di sostegno e di aiuto economico in favore della famiglia affidataria»."
Bene!


Di tutto quanto evidenziato col grassetto sottolineo maggiormente questa frase:
Art. 5 - comma 2 - Legge 149/01: "secondo le modalità più idonee"


Queste 5 parole, in sostanza, danno al Servizio Sociale una facoltà che prima non aveva (rileggete il testo corrispondente dalla L.184/83) ovvero la facoltà di determinare a sua discrezione le modalità più idonee.
Così facendo il Parlamento italiano ha rafforzato il potere del Servizio Sociale esonerando anche il Tribunale per i Minorenni il quale, così, risponde tranquillamente che il suo compito si ferma ad emettere il Decreto ma la gestione dell'affidamento spetta per legge all'ente preposto (IL COMUNE).
http://picasaweb.google.com/brunoaprile.aprile/Bruno#5411066614771435346


Per completare il quadro della situazione vorrei anche evidenziare che con l'entrata del primo Governo Berlusconi, nella quattordicesima legislatura (XIV legislatura), il Governo a forza di Decreti Legge presentati dall'allora Ministro della Giustizia On. Roberto Castelli (Lega Nord) poi regolarmente convertiti in Legge dal Parlamento italiano, ha bloccato l'entrata in vigore di alcune parti della Legge 149/01.


Ogni anno il dichiaratosi paladino dei bambini sottratti ingiustamente dal Tribunale per i Minorenni alle famiglie di origine, On. Castelli, ha presentato al Governo dei Decreti Legge in attesa che venisse proposto ed approvato un Disegno Di Legge (DDL) che riguardava "La difesa d'ufficio davanti al Tribunale per i Minorenni e modifica degli artt. 336 e 337 del Codice Civile", DDL che fu presentato dalla Commissione Giustizia della Camera, e che fu da questa approvato e poi trasmesso a quella del Senato che invece lo ha ritirato.
Ovvero non ne vuole sapere!
http://picasaweb.google.com/brunoaprile.aprile/Bruno#5504826973519983746


N.B. Il paladino dei minori sottratti alle famiglie che, in qualità di Ministro della Giustizia, aveva la facoltà (che a questo punto - dati i molteplici casi di strana giustizia sulla materia - diventa DOVERE) di promuovere le azioni disciplinari (art. 107 Cost.) non ha mai nemmeno inviato gli ispettori ministeriali presso i Tribunale per i Minorenni più famosi.
http://picasaweb.google.com/brunoaprile.aprile/Bruno#5428137105082245746
Si è solo limitato a presentare un Disegno Di Legge truffaldino per mera propaganda politica.
http://picasaweb.google.com/brunoaprile.aprile/Bruno#5504826980733743890


CONCLUSIONI:
Se gli assistenti sociali si comportano come vogliono è perché lo STATO glielo ORDINA!
E se ragionate sulle informazioni di cui sopra vi renderete conto che la questione è legata alla RAGION DI STATO.


Bisognerà che prima o poi ve ne facciate una ragione e non crediate alle favole che vi propongono politici, partiti ed anche, purtroppo, alcune associazioni.


Se sono passato da questa battaglia a quella della Democrazia Diretta è per il semplice fatto che fino a che ai cittadini non verrà riconosciuta la sovranità che gli appartiene (art. 1 Cost.) che include il potere di abrogare le leggi fatte dal Parlamento (art. 75 Cost.), il potere di chiedere leggi (art. 50 Cost.) ed il potere di proporre leggi (art. 71 comma 2 Cost.), non cambierà mai nulla in questo Paese.


SE NOI NON CI FACCIAMO O CORREGGIAMO LE LEGGI... non potremo sperare nulla di buono da questa banda di furfanti che pullano le Istituzioni italiane e come molti potranno avere avuto modo di constatare qui ci sono dentro tutti!:
- Legislatore
- Magistratura
- Governo
- Compiacenti e sedicenti avvocati, psicologi, e forze dell'ordine


Come si fa a ritenere uno più responsabile dell'altro quando sono tutti sottomessi ad una Casta ?

Bruno Aprile - tel. 3472954867 - Locate Varesino (CO) - http://www.brunoaprile.blogspot.com/ - http://comitatocittadinodemocraziadiretta.blogspot.com/

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione