INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

martedì 2 agosto 2011

Questo o quello per me pari son - Caro affitti

Le tasse sono indispensabili (ma a chi ? - per quale uso ?) è fuori discussione ma è anche vero che quando si pagano delle tasse si dovrebbero ricevere adeguati servizi.
Tralasciamo il discorso tasse, anche se alla fine sono il fulcro di tutta una serie di questioni, e veniamo al dunque.


Non so in altre parti dell'Italia ma in Lombardia il problema "casa" è un problemone sia parlando di "mutui" e sia parlando di "affitti".
Un tempo i proprietari di immobili ed appartamenti affittavano le loro proprietà a prezzi liberi, poi è stato introdotto un "equo canone" che è stato poi abrogato ritornando ancora alla liberalizzazione degli affitti e il dittatore di turno che ha deciso questo è stata proprio la corrente politica da sempre schierata a favore delle classi sociali più deboli - e non cito più nemmeno di quale corrente parlo perché mi viene la nausea (mi tocca anche sentire gente che la ritiene un male minore rispetto ad altre correnti - ma se non c'è nessuna differenza su questioni di primaria importanza come la casa, ad esempio, in che cosa si differisce dal male peggiore ?).


Facciamo il punto della situazione:


1) Le case popolari sono in via di estinzione perché dal 1991 i Comuni le hanno messe in vendita e ce ne sono sempre meno (anche se promettono di costruirne delle nuove)... basta vedere le richieste in aumento e le assegnazioni già decise (solo sulla carta). 
2) I mutui (a parte le truffe operate dalle Banche con i tassi variabili - vedi ultimo diktat della BCE) ed altri trucchi vari (se il caso approfondirò la questione) soffocano un sacco di gente (alcuni hanno scelto la via del suicidio). 
3) Gli affitti in Lombardia superano mediamente il 50% del reddito di un solo percettore (famiglia tradizionale alla vecchia maniera), anche se quei giornalisti di merda (luridi servi schifosi) dichiarano il 30%.


Ma perché gli affitti sono stati di nuovo liberalizzati ? Perché con l'equo canone molti non affittavano più le loro proprietà ! Ma perché ?


Per l'identica ragione per la quale le piccole e medie imprese fanno la cresta sugli stipendi ai loro dipendenti, ovvero perché massacrati dallo Stato (con tasse, contributi e balzelli vari).
Il proprietario d'appartamento è massacrato da tasse e balzelli ed alza i canoni d'affitto per dare a Cesare quello che vuole Cesare e nello stesso tempo fare una vita molto migliore di chi non è proprietario di nulla (perché chi possiede deve per forza essere qualche scalino più in alto di chi non possiede).


In sostanza i nostri governanti decidono di tassare chi e quello che vogliono indipendentemente dalle condizioni economiche sia della gente e sia della finanza mondiale, basta pensare alla tassa di successione (come farebbero a gonfiarsi le loro tasche altrimenti ?).


Ecco perché esistono affitti sproporzionati ai redditi delle persone NORMALI ed ecco perché occorrono necessariamente due stipendi. Poi gli stronzi sono i primi a lamentare il fatto che i giovani d'oggi sono sbandati ed in balia di Videogiochi, Televisione, Telefonini e/o a girovagare per la strada, e lo fanno attraverso i soliti media ed alcuni sapientoni che invitano nelle trasmissioni televisive con le quali vorrebbero INSEGNARE alla gente ad essere genitori responsabili e migliori. La porcheria che trasmette la Tv, ad esempio, deve continuare ad esistere e ad espandersi (guai a toccare il business).


Questa è la penisola italica. Un capiente serbatoio di cultura, moralità, sapienza e filosofia. Abbiamo dei gran sapientoni e delle grandi teste... peccato che non produciamo un cazzo se non parassiti e il nostro debito pubblico ne è testimone.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione