INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

lunedì 11 febbraio 2013

Importantissimo - Timbratura tessere elettorali

Attenzione ! Leggere attentamente !

Come già detto e ridetto, il Parlamento italico è un'istituzione che ha solo VOLUTO creare una gran confusione sia nel quantitativo di leggi emanate e sia nel MODO con cui sono state redatte ed emanate.


Nel RIDICOLO labirinto legislativo italico c'è veramente da impazzire.

Premesso questo veniamo al sodo.

Secondo le Istruzioni (v. nota in calce) per le operazioni degli uffici elettorali di sezione per le elezioni politiche 2013, pubblicate nel sito del Ministero dell'Interno (v. paragrafi 51 e 52 del documento)

che fanno riferimento all'art. 12 del D.P.R. 8 novembre 2000, n. 299, che recita:

Art. 12. - Annotazione dell'esercizio del voto

"In occasione delle operazioni di votazione per tutte le consultazioni elettorali o referendarie, successivamente al riconoscimento dell'identità personale dell'elettore, e all'esibizione della tessera elettorale, uno scrutatore, prima che il presidente consegni all'elettore la scheda o le schede di votazione ai sensi dell'articolo 58, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, o dell'articolo 49, primo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960, n. 570, appone sull'apposito spazio della tessera elettorale il timbro della sezione e la data, e provvede, altresi', ad annotare il numero della tessera stessa nell'apposito registro."


D.P.R. non toccato dalla legge Porcellum.

potrebbe verificarsi l'eventualità che vi si timbri la tessera elettorale prima della consegna delle schede che voi rifiuterete (ricordo che la tessera la timbrano solitamente alla riconsegna delle schede da parte dell'elettore - NON PRIMA - così è successo a me DUE volte)
In tal caso, non venendo annotato sulla tessera elettorale che voi avete rifiutato la scheda, e cioè che non avete votato, qualora vedeste che lo scrutatore stia per apporre il timbro ditegli di attendere ... perché rifiuterete la scheda, e quindi NON voterete.
Non ha senso un timbro sulla tessera elettorale del NON votante ... dato che anche il Viminale ha esplicitamente chiarito che chi rifiuta la scheda non è conteggiato come votante.

Sulle tessere elettorali, nella sezione con gli spazi dove devono essere apposti i timbri, è scritto: "Spazi per la CERTIFICAZIONE DEL VOTO".
Ma se non voti cosa certifichi ?

Ad ogni modo, qualora si prospettassero polemiche, DA EVITARE in qualsiasi modo  all'interno delle sezioni elettorali, fregatevene del timbro sulla tessera elettorale.

Non inficia minimamente lo scopo dell'astensione attiva, poiché lascia comunque una traccia nei verbali, ai fini pratici NON regala voti e soldi a nessuno e aumenta la percentuale di astensionisti !

Eventuali problematiche se le sbroglino i nostri rappresentanti ... forse si decideranno a scrivere le leggi e a votare le leggi con cognizione di causa.

Ho ritenuto opportuno segnalare questa cosa perché in precedenza avevo suggerito di chiedere il timbro su una delle due copie delle dichiarazioni con le motivazioni del rifiuto della scheda anziché sulla tessera elettorale (il timbro sulla copia della dichiarazione che terrete con voi fatevelo mettere comunque).

Nota:
la Legge 270/05 (Porcellum) è stata emanata 5 anni dopo il D.P.R. 299/00, e avrebbe potuto dare maggiori dettagli sulla procedura, visto che IN PARTE la descrive all'art. 1 comma 10, che recita:


"All’articolo 58 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) il primo comma è sostituito dal seguente:

«Riconosciuta l’identità personale dell’elettore, il presidente estrae dalla cassetta o scatola una scheda e la consegna all’elettore opportunamente piegata insieme alla matita copiativa»;" (non si parla né di certificato elettorale e né di tessera elettorale- NdA).

FANNO  LE  LEGGI  COL  CULO !!!


Tu devi solo fare il tuo dovere ... non importa se non ci capisci un cazzo ... tu non devi capire ... devi solo votare. Vota chi vuoi ma vota ! Ci pensiamo noi a distribuire le poltrone ... coglione !



SPAZI PER LA CERTIFICAZIONE DEL VOTO
(Ma se non voti cosa certifichi ?)
(Che timbri a fare la tessera PRIMA o anche DOPO la consegna delle schede ?)
__________________________

Nota:
Il Manuale (v. al link sopra) di istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione per le elezioni politiche 2013, pubblicato nel sito del Ministero dell'Interno reca la data di stampa "gennaio 2013".
La risposta del Viminale (con protocollo di uscita datato 24 gennaio 2013), data in via ufficiosa a chi aveva richiesto delucidazioni sull'astensione attiva (il CVDP e il sottoscritto successivamente via e-mail), promettendo una circolare, è stata inviata ai richiedenti in data 29 gennaio 2013.
La circolare ministeriale n. 19/2013, poi diramata alle varie prefetture, non può essere che successiva alla data di stampa del suddetto manuale di istruzioni ed è per questo che nel manuale non è ben specificata la procedura (paragrafi 51 e 52).
Una circolare ministeriale serve da complemento ad ogni altra istruzione precedente e deve essere attentamente  visionata sia dai responsabili di sezione e sia dai responsabili degli uffici elettorali comunali.
L'astensionista attivo NON è da considerarsi votante (come da circolare n. 19/2013) e non può quindi essere conteggiato fra i votanti e il timbro sulla tessera elettorale non ha ragione di essere apposto per il semplice fatto che sia nel testo legislativo citato (art. 2 comma 3 D.P.R. 299/00) e sia sulla tessera elettorale si deduce che il timbro sulla tessera elettorale  certifica la partecipazione alla votazione - certificazione del voto ... che l'astensionista NON ha espresso.
La presenza dell'elettore è attestata dalla registrazione del suo nominativo, che gli consente di esercitare il diritto di fare allegare o inserire a verbale le proteste che motivano il rifiuto delle schede e quindi del voto.

Credo che questa sia logica ... spiegata in lingua italiana.
Post correlati:
AGGIORNAMENTO  DEL   29  marzo  2013

Oggi ricevo dal dirigente responsabile capo del Servizio elettorale del Ministero dell'Interno, a cui avevo inviato una richiesta di delucidazioni su questa questione, la conferma che la tessera elettorale non deve essere timbrata a chi rifiuta la scheda elettorale.





AGGIORNAMENTO  DEL  16  MAGGIO  2013

Nuova Circolare Ministeriale: Clicca sull'immagine sottostante per leggere l'intero documento.


Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione