INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

venerdì 6 gennaio 2017

Il pignoramento dei beni e il distacco dell'energia elettrica

Se dovessi elencare tutte le leggi strane e inique che il parlamento italiano ha sfornato nel corso degli anni dovrei scrivere un’enciclopedia ... 

mi limito a fare osservare agli italiani che continuano a scrollare le spalle, facendo sempre finta di nulla, una sola questione:

Come tutti sanno (specie chi lo ha vissuto in prima persona) che a chi non paga le bollette dell’energia elettrica la società fornitrice del servizio può sospendere la fornitura con il distacco totale.
Prima riducono la potenza ad 1/5 (su 3 kWatt sono 600 Watt - e un ferro da stiro ne assorbe già di più) e dopo 15 giorni, se l’utente non paga, la distaccano totalmente.

Tutti sanno anche che a un debitore gli vengono pignorati i beni (mobili e immobili) per soddisfare il creditore (pubblico o privato che sia).

Che tutto ciò sia giusto o sbagliato è come sempre opinabile (c’è chi lo ritiene giusto e chi lo ritiene sbagliato, o eccessivo) ed è per questo che esistono le cosiddette leggi (che hanno una gerarchia e dovrebbero essere scritte con una logica e secondo determinati principi).

Sul pignoramento dei beni notate cosa recita il Codice di Procedura Civile:

Art. 514. Cose mobili assolutamente impignorabili. 
Oltre alle cose dichiarate impignorabili da speciali disposizioni di legge, non si possono pignorare: 
1) le cose sacre e quelle che servono all'esercizio del culto; 
2) l'anello nuziale, i vestiti, la biancheria, i letti, i tavoli per la consumazione dei pasti con le relative sedie, gli armadi guardaroba, i cassettoni, il frigorifero, le stufe ed i fornelli di cucina anche se a gas o elettrici, la lavatrice, gli utensili di casa e di cucina unitamente ad un mobile idoneo a contenerli, in quanto indispensabili al debitore ed alle persone della sua famiglia con lui conviventi; sono tuttavia esclusi i mobili, meno i letti, di rilevante valore economico, anche per accertato pregio artistico o di antiquariato; 
... omissis...


Cosa si evince, o si deduce ? 

Direi che è scritto chiaramente nel suddetto articolo del Codice ... ovvero che tali beni sono INDISPENSABILI al debitore (che, seppur debitore, è un essere umano col diritto di vivere DIGNITOSAMENTE).

Se anche la reclusione (la galera per intenderci) deve essere vista principalmente come uno strumento per recuperare il “delinquente”, piuttosto che una punizione, ancor più un debitore che non ha i mezzi per pagare le salate bollette della luce e del gas - i cui costi aumentano a prescindere dal costo del petrolio che diminuisce sempre più - quindi contro la legge (Legge 28 gennaio 2009, n. “ art. 3 comma 8) deve essere tenuto in considerazione ... specie se le leggi lo lasciano chiaramente intendere (v. ancora l’art. 514 c.p.c.).

Domanda:

Che cosa se ne fa un debitore (magari senza un lavoro o con un salario da fame) di un frigorifero senza energia elettrica ? Di una lavatrice senza energia elettrica ? Di un fornello senza energia elettrica ?


Anche per il gas vale lo stesso ragionamento.

Gliele vogliamo andare a chiedere queste cose al nostro legislatore ? ... i mezzi per farlo ci sono !

Ad ogni modo se le Società fornitrici di energia elettrica, gas e acqua sospendono il servizio per morosità senza un’ordinanza di un tribunale commettono un reato.

Non è consentito dalla legge farsi giustizia da soli e diverse sentenze della Corte di Cassazione hanno evidenziato tale concetto in diverse occasioni definendo i comportamenti di alcuni: “Esercizio arbitrario delle proprie ragioni” - art. 392 del Codice Penale, che recita:

"Chiunque, al fine di esercitare un preteso diritto, potendo ricorrere al giudice, si fa arbitrariamente ragione da sé medesimo, mediante violenza sulle cose, è punito, a querela della persona offesa (120; c.p.p. 336, 340), con la multa fino a cinquecentosedici euro. Agli effetti della legge penale, si ha violenza sulle cose allorché la cosa viene danneggiata o trasformata, o ne è mutata la destinazione. "


Alcune sentenze sono citate al seguente link: http://www.brocardi.it/codice-penal...

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione