INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

sabato 9 febbraio 2013

Comunicato stampa e pubblicazione articolo - La Stampa

CLICCA  QUI  PER  LEGGERE  L'ARTICOLO


A seguito di un Comunicato Stampa (v. in calce al post), da me inviato a diverse redazioni televisive, radiofoniche e giornalistiche locali (di Alessandria e dintorni), il quotidiano "La Stampa" ha ritenuto pubblicare un articolo informativo.
Ringrazio la redazione e la giornalista Valentina Frezzato per la sensibilità alla libera informazione !
________

COMUNICATO STAMPA


Spettabile redazione,
con l’avvicinarsi delle elezioni politiche 2013 si ritiene opportuno di dare avviso alla cittadinanza alessandrina che è possibile, contrariamente a quanto molti pensavano, esercitare una forma di astensione differente da quella comunemente conosciuta consistente nell’ annullare la scheda o lasciarla bianca. Gli astensionisti in Italia hanno ormai superato il numero dell’elettorato del più grande partito in Italia e la percentuale registrata alle recenti regionali Sicilia ed alle stesse Comunali in Alessandria (al ballottaggio ha votato poco più del 40% degli aventi diritto) confermano il crescente aumento. A differenza dell’astensione passiva o del votare scheda bianca o nulla, l’astensionista attivo motiva il rifiuto della scheda facendo scrivere o allegare nel verbale le ragioni del suo rifiuto e abbiamo potuto constatare che molti cittadini stanchi di chi fa politica in Italia all’interno dei partiti vorrebbero adottare questo metodo e esplicitare chiaramente la loro contrarietà al sistema elettorale che gli impedisce di esercitare il diritto di voto secondo il dettato costituzionale. Gli artt. 56 e 58 cost. lasciano chiaramente intendere che l’elettore deve poter scegliere i deputati e i senatori DIRETTAMENTE, e non attraverso le dirigenze delle liste concorrenti (quindi indirettamente). La legge elettorale in vigore sta portando per la TERZA volta la popolazione a votare illegittimamente i membri del parlamento in quanto la legge elettorale è PALESEMENTE incostituzionale.
Per chiarire il controverso dibattito sul tipo di astensione descritto qualcuno ha pensato di scrivere al Viminale poiché la legge non è molto chiara al riguardo e il Viminale ha emanato una circolare che NON tutte le Prefetture hanno trasmesso ai Comuni e riportato nei relativi siti internet ufficiali e istituzionali.
Distinti saluti

Bruno Aprile – Alessandria – cell. 3472954867 - referente Piemonte della Commissione di Vigilanza per la Democrazia Partecipativa (CVDP) - Movimento astensionista politico italiano: http://www.cittadiniattivibernalda.it
Al seguente link la lettera aperta del CVDP alle prefetture: http://www.cittadiniattivibernalda.it/index.php?option=com_content&task=view&id=606&Itemid=2
Al seguente link l’elenco delle prefetture che hanno diramato la circolare del ministero: https://docs.google.com/file/d/0B3VJtb29p-kab3dXN0NudThzTFE/edit?usp=sharing
Al seguente link la risposta del Ministero inviata al CVDP richiedente i chiarimenti: https://docs.google.com/file/d/0B3VJtb29p-kaemFpNmpNSnItUXc/edit

Altro articolo de "La Pulce"

Notizia correlata: Il Sindaco di Berceto non voterà alle politiche 2013


AGGIORNAMENTO DEL 4 AGOSTO 2013

In data 31 luglio 2013 una persona mi mostra l'articolo uscito su "La Stampa" (vedi sopra) e mi ritiene un "anarchico" per ciò che ho dichiarato nell'articolo:
Sinceramente non capisco come si possa collegare l'anarchia ad una persona che dichiara espressamente di non voler votare con una legge elettorale palesemente incostituzionale.
Gli artt. 56 e 58 recitano chiaramente che l'elettore ha il diritto/dovere di scegliere DIRETTAMENTE il parlamentare di suo gradimento, ma la legge elettorale lo impedisce.
Io credo che gli anarchici siano quei figli di puttana che fanno le leggi in Italia (e non solo quelle elettorali) in quanto sono i primi a non rispettarle, a non applicarle e a scriverle per essere interpretate per alcuni "amici".
Mi dispiace ma qui l'anarchia non c'entra una beata minkia ... si tratta di rispetto delle regole fondamentali (la Costituzione) e io sono per la Democrazia (diretta) ... non so più come chiarirlo.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione