INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

venerdì 23 settembre 2011

Parliamo della Scuola ?

Anche sul problema istruzione e scuola si fanno scioperi e manifestazioni a non finire in Italia... si addita un governo o una maggioranza parlamentare ed i sinistri sono famosi in questo (non sanno fare altro che manifestare INUTILMENTE da sempre).


Ma quali sono i veri problemi della scuola che si ripercuotono SULLE FAMIGLIE ?



  • Gite didattiche ? Sono sicuramente utili ma quanto costano ? Quante se ne fanno in un anno ?
  • Materiale didattico ? Di che marca ? Quanto materiale ? Viene utilizzato poi tutto ?
  • Mensa ? In che modo viene offerta ? Si offre un servizio alle famiglie con entrambi i genitori che lavorano o si offre un business alle aziende di refezione scolastica ?
E si paga tutto in anticipo attenzione !

Le gite scolastiche in pullman comprendono costi di viaggio (non tanto a buon mercato) e costi di biglietti di ingresso per qualsiasi cosa si vada a vedere (musei, parchi, cinema, etc.).
Il materiale didattico in alcuni casi vogliono le marche Pilot, Giotto, Pelikan, etc.; squadre, squadrette, righe, righelli, gomme, gommine, temperamatite di acciaio, etc.; copertine fucsia (un colore analogo NON va bene !), gialle, rosse, verdi, blu, etc.; compassi e compassini (MAI usato una volta alle elementari).
In mensa DEVI decidere mesi prima se iscrivere tuo figlio e non puoi mandarlo quando vuoi tu, o a secondo dei turni di lavoro dei genitori, ma o MAI o tutti i giorni ! Paghi un tot numero di pasti (quelli che vuoi) ma devi mandarlo ugualmente anche se tuo figlio abita dietro alla scuola (a 1 minuto di strada a piedi). Paghi una retta annuale e poi un tot a pasto (dai 4 ai 7 euro al giorno).

Indubbiamente sono tutte cose utili ed a volte necessarie ma chi decide queste regole è capace di immaginare quanto cazzo di spese ha una famiglia composta da tre componenti ? Tenendo conto degli affitti e/o mutui per la casa, la luce, il gas, l'acqua, i rifiuti, i costi per recarsi al lavoro, auto (per molti necessaria per recarsi al lavoro), ed altro ancora che non cito ?

Per concludere sul ruolo più importante che dovrebbe avere la scuola:

Cosa si insegna agli alunni ? Come essere buoni cittadini ? E con quali parametri ? La Costituzione italiana ? (che è legge fondamentale della repubblica) L'educazione civica ? ( se ancora qualcuno la insegna) Il Cristianesimo ? (o il cattolicesimo che NON è cristianesimo).

Le poesie ? L'odissea ? Le favole ? a che cazzo servono ? Ad avviare i bambini ed i ragazzi ad essere produttivi un domani ? A comprendere quali possono essere i ruoli che potrebbero avere nella società in cui vivono e che deve essere coltivata da TUTTI ?

Niente di tutto questo ! Ci si lamenta della scuola solo per i tagli di risorse economiche o di personale che un governo piuttosto che un altro fanno da sempre ! Politica... sempre politica ! Questa MERDA di politica ! Ma di cosa produce la scuola non ne parla nessuno ! Infatti lo vediamo nella società moderna cosa produce:
  • SUDDITI
  • SERVI
  • SCHIAVI
  • SCHIENE  DOLORANTI  PER  IL  PESO  DEGLI  ZAINI
Ma non comprendono, tanto i padroni quanto gli stessi genitori, che i giovani d'oggi non si prestano facilmente alla schiavitù !

A conclusione, come mia abitudine, cito sempre la Costituzione italiana e in questo caso per quanto riguarda l'istruzione:

Art. 34 comma 2 Cost:

"L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita."

Gratuita ? ? ? ? ? ? ? ? ? 

Link correlato: Arriva a Roma la scuola Libertaria

2 commenti:

  1. Ottimo articolo Bruno. Non c'è nient'altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  2. L'unica cosa da aggiungere sono soldi caro Massimiliano :-(

    RispondiElimina

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione