INUTILE CERCARE DI FERMARE LE IDEE

INUTILE  CERCARE  DI  FERMARE  LE  IDEE
ALL'INTERNO DI MOLTI POST CI SONO DEI COLLEGAMENTI IPERTESTUALI CHE RIMANDANO AD ALTRI POST O FONTI - SONO RICONOSCIBILI DAL COLORE DEL CARATTERE BLU IN GRASSETTO

giovedì 12 gennaio 2012

Votare o non votare alle elezioni dei rappresentanti ?

Leggo questo post in un Blog:
Il fantomatico metodo di astensione

e dico che:

Ognuno può dire ciò che vuole in democrazia... ma le balle, o i pretesti, hanno alla fine vita breve.

Visto che nel post sopra indicato si cita la costituzione lo faccio anch'io:

Art. 49 cost.:
"Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale."

Si evince innanzitutto che associarsi in PARTITI non è un obbligo costituzionale ma un diritto... il che implica che dovrebbe essere eletto alla carica di parlamentare anche chi non appartiene ai partiti (cfr. anche l'art. 51 cost.).
Inoltre determinare la politica nazionale non significa necessariamente invadere parlamento, governo e pubblica amministrazione ovvero legiferare.
Inoltre i partiti sono strutturati senza alcuna regola democratica interna e senza trasparenza (sarebbe opportuna forse una legge che ne regoli la struttura ? - ma questa legge non esiste ancora e nessuno l'ha proposta).
Un membro di partito non può assolutamente esercitare il proprio mandato come stabilito all' art. 67 cost., poiché è soggetto alle direttive delle segreterie dei partiti... se non vi sottostà viene segato immancabilmente.
Il parlamento per come è composto è illegittimo ! Anche perché i suoi membri non sono MAI stati eletti DIRETTAMENTE dai cittadini, perché questi ultimi sono stati sempre costretti a scegliere 2 o 3 o 4 candidati imposti però sempre dai partiti e di cui non si sapeva né passato, né presente e nemmeno alcunché potesse dimostrare onestà, competenze e capacità per distinguersi da milioni di cervelli fra l'elettorato.
La situazione è andata peggiorando con l'entrata in vigore dell'attuale legge elettorale Porcellum, che esiste da ben 6 anni E CHE nessuno ha sottoposto alla corte costituzionale (artt. 134 e 136 cost.).
Questa legge elettorale è palesemente illegittima (incostituzionale) e non dovrebbe nemmeno esistere nel nostro ordinamento perché permette ai partiti di insediare persone di dubbia onestà (non a caso abbiamo oltre 80 parlamentari fra indagati, condannati in primo grado, in secondo grado ed anche in via definitiva).


Art. 56 cost.
"La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e diretto."


Art. 58 cost.
"I senatori sono eletti a suffragio universale e diretto dagli elettori che hanno superato il venticinquesimo anno di età."

Attualmente i parlamentari sono eletti INDIRETTAMENTE (attraverso i partiti che sappiamo non essere strutturati in maniera trasparente e democratica)... l'incostituzionalità di questa legge è lapalissiana ed elementare e non occorre nessun esperto per interpretare quelle semplici parole riportate agli artt. 56 e 58 cost.
Per concludere occorre osservare che si evince dall' art. 48 cost. che il voto è un dovere "civico"... NON LEGALE... e se qualcuno abusa delle delega popolare per storpiare la costituzione e introdurre leggi illegittime o contrarie al dettato costituzionale il mio dovere civico è quello di delegittimare chi compie in maniera recidiva tali abusi ed azioni, anziché rendermi loro complice affinché continuino su tale linea
Io non voto da 4 legislature e l'ultima volta, alle regionali del 28-29 marzo 2010, ho esercitato la forma attiva di astensionismo, consegnando una dichiarazione scritta a casa che mi sono fatto timbrare in luogo del certificato elettorale, con la quale rifiutavo la scheda motivandone le ragioni e chiedendo fosse messa a verbale.

La bufala, quindi, credo che sia quella riportata nel post del Blog sopra indicato e la dimostrazione la potrete vedere in questo stesso mio Blog cercando sulla colonna di sinistra il documento "astensionismo attivo".

E' assolutamente marginale sapere poi se il presidente della sezione elettorale allegherà o meno a verbale la dichiarazione da me rilasciata perché che lo faccia o che non lo faccia è un mio diritto NON votare se ritengo che votando avallo un sistema fallimentare ed illegittimo. 

E' una questione di coscienza. Che facciano le leggi elettorali che vorranno per assicurarsi le poltrone - non è quello il punto - il punto è che saranno poltrone estorte e non assegnate dai cittadini.

Votare ancora oggi, sapendo cosa sono in realtà i partiti, la cosiddetta Casta e come si è  evoluta la legge elettorale è un semplice suicidio o omicidio della democrazia rappresentativa... che senza la democrazia diretta è comunque una forma di governo obsoleta e fallimentare.

Poi ci sarà sicuramente qualcuno a cui va bene così (membri di partito o parenti ed amici di qualche politico :-)... ma la coscienza spinge le persone a fare ciò che è giusto e non ciò che è conveniente, specie rendendosi sempre complici di un sistema modellato dai soliti pochi eletti facenti parte di quelle strane e già descritte organizzazioni che si chiamano partiti.

Un sistema così marcio non crollerà mai e non cambierà mai continuando a votare... perché votando lo si LEGITTIMA solo !


Mi dispiace molto per chi ha combattuto per dare questo diritto agli italiani ma è fuori discussione che chi ha combattuto per questo non avrebbe mai potuto prevedere come avrebbero considerato tale diritto i rappresentanti eletti dal popolo.
Quindi un sistema che si ipotizzava buono e che non ha dato i frutti sperati va cambiato ... e col voto è solo peggiorato (qualcuno può dimostrare che non è cosi ?).

Chi invece pensa che la soluzione sia quella di votare partiti minori o diversi consiglio di pensare che hanno vissuto con questa speranza i comunisti italiani e il risultato è che tanto PCI quanto PRC sono scomparsi dal parlamento.
Non abbiamo, a mio avviso, tanti anni ancora per sperare che un partito raggiunga un tal numero di voti da assicurarsi una schiacciante maggioranza parlamentare in grado di eliminare le leggi di merda che abbiamo in Italia e farne di più eque e giuste... sprofonderemo molto prima nella merda.


Post correlati:


Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento non sarà pubblicato subito ma non appena avrò letto la e-mail che mi notificherà il commento in attesa di moderazione. Grazie della collaborazione